Anche Tik Tok scommette sull'e-commerce - La mia ditta online

Anche Tik Tok scommette sull’e-commerce

Tik Tok rappresenta la vera novità di questo 2019 non solo per gli addetti ai lavori come i social media manager, bensì soprattutto per gli utenti che ne apprezzano moltissimo le caratteristiche. La piattaforma social di proprietà cinese dopo aver fatto un’entrata dirompente e trionfale sul mercato grazie al suo semplice e intuitivo da apprendere, promette di continuare a reinventare se stessa nel settore di riferimento, apportando continui miglioramenti alla propria formula, grazie all’introduzione dei link legati allo shopping online.

Tik Tok infatti ha scommesso sull’e-commerce e si trova ora alle prese con la sperimentazione di nuove funzionalità pensate per rendere l’esperienza di shopping online molto fluida. Si tratta di un passaggio che fa riflettere, soprattutto se si considera che nel caso di social network come Instagram, l’ingresso dell’e-commerce è avvenuto nel momento in cui la piattaforma poteva considerarsi già matura. Tik Tok invece è un prodotto relativamente giovane, che però fa dell’irruenza sul mercato un suo grande punto di forza.

Tik Tok ha dato dunque avvio alla sperimentazione di nuove potenzialità e le aziende che dispongono di un negozio online si dimostrano già interessate a coglierle al più presto. Ciò risulta ancora più appetibile se si prende in considerazione il fatto che Tik Tok è un’applicazione diffusa per lo più tra un pubblico di giovani e giovanissimi i quali, dopo aver abbandonato Snapchat e un po’ anche Instagram, trovano in Tik Tok un luogo dove potersi esprimere liberamente insieme ai propri coetanei. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, gli utenti che popolano questa piattaforma si stanno dimostrando particolarmente disponibili a provare tutte le nuove funzionalità legate all’e-commerce, in particolare grazie alla possibilità di includere dei link e coinvolgere i propri amici e tik toker nelle esperienze di acquisto.

Tik Tok è di proprietà di una società cinese, Bytedance, i cui portavoce hanno già commentato la recente mossa decisa dalla proprietà nell’applicazione di offrire opportunità commerciali ai brand volenterosi di coglierla. Secondo quanto affermano i dipendenti della società, Tik Tok starebbe sperimentando nuovi e innovativi metodi per rendere l’esperienza utente migliore. L’introduzione dell’e-commerce dunque sarebbe volta anche a non porre alcun limite alla creatività degli utenti stessi. Inoltre, la possibilità di aggiungere dei link che collegano con i vari negozi online secondo la visione del management dovrebbe portare valore aggiunto alla comunità dei tik toker, che così potranno avere uno sbocco reale dalla propria piattaforma preferita.

Sul mercato italiano Tik Tok è presente come piattaforma all’incirca da un anno, ma fino a pochi mesi fa erano solo i cosiddetti early adopters ad aver intrapreso l’avventura anche su questo nuovo social. Tuttaviam nel corso dei mesi più recenti sono molti personaggi famosi che si sono affacciati a Tik Tok, creando un profilo e legittimando così la piattaforma agli occhi di un pubblico di massa. Basti pensare al recente sbarco su Tik Tok di personalità come Chiara Ferragni, oppure di quelle legate allo spettacolo o ancora al mondo politico. Questo aspetto sembra agire in concomitanza con l’apertura agli e-commerce, generando di fatto un potenziale di acquisti ancor più alto. Prendendo infatti in esame il ruolo che gli influencer su Tik Tok potrebbero svolgere per rendere popolari dei prodotti sul mercato italiano, dove vi sono buone possibilità, nel resto del mondo le cifre sono da moltiplicarsi.

Tik Tok ha raggiunto più di un miliardo di utenti, che si divertono a caricare i brevi videoclip musicali e molto altro: al momento sono 150 le nazioni dove la piattaforma è già presente e si sta sempre più affermando. In quest’ottica, stupisce ancora meno la decisione della società di aprire all’e-commerce, che potrebbe significare importanti ricavi e una presenza sempre più massiccia di inserzionisti, pur con l’obiettivo di preservare l’autenticità della comunità costituita prevalentemente da giovani che qui si sentono liberi di interagire con i coetanei. Proprio quest’aspetto è quello che ha generato negli altri social un particolare livello di attenzione, poiché la crescente ascesa di Tik Tok sembra ascriversi a una formula di successo della quale Instagram e Facebook vogliono carpire qualche segreto. Ecco dunque la decisione di Instagram, che ha voluto lanciare sul mercato brasiliano Reels, dando la possibilità ai propri iscritti locali di creare e pubblicare dei piccoli video amatoriali.

Facebook Comments