Mutui, tassi al minimo - La mia ditta online

Mutui, tassi al minimo

Questo periodo che stiamo vivendo è considerato il migliore degli ultimi 10 anni per stipulare mutui, questo perché il tasso di riferimento principale è fermo allo 0,00%, mentre quello dei prestiti è fermo allo 0,25%%. Per quel che resta del 2020 si prospettano ancora prezzi di mutui più vantaggiosi, anche se le proposte che sono offerte al momento sono già ottime. Sembra ormai evidente che gli impatti dell’emergenza sanitaria e tutti i mesi passati in lockdown si fanno sentire, ma non tutto il male viene per nuocere. Questo periodo è favorevole per tutte le giovani coppie che vogliono acquistare una casa e una rata più bassa  con un calcolo rata mutuo, può essere d’aiuto, ma può essere anche molto utile per tutti coloro che vogliono sostituire il proprio finanziamento. In questo articolo capiremo che cos’è un mutuo nello specifico e il perché c’è stato il boom dei mutui e i tassi sono ai minimi storici.

Che cos’è un mutuo?

Prima di poter capire a cosa serve avere un indice di tassi minimo, vediamo nello specifico che cos’è un mutuo. Il mutuo non è altro che una particolare tipologia di contratto che viene svolta tra due soggetti, da un lato c’è il mutuante ossia l’ente che eroga una somma di denaro, nella maggior parte dei casi si tratta di un istituto di credito o bancario, dall’altro lato c’è invece il mutuatario che si presta a consegnare la somma erogata entro un periodo di tempo prestabilito. Di solito quando si stipula un mutuo si parla di contratto oneroso, questo vuol dire che ci ha ricevuto il prestito della somma di denaro, non deve solo rimborsare la somma, ma devono essere sommati anche degli interessi che vengono calcolati a seconda di tutti i tassi di interessi che vengono racchiusi nel TAN. Tutti possono accedere ad un mutuo, anche le giovani coppie che hanno intenzione di acquistare la prima casa e per loro ci sono offerte molto vantaggiose, soprattutto se si ha un’età inferiore a 35 anni.

Perché i mutui hanno subito il boom in questo periodo?

I tassi di interesse sono molto importanti e nella maggior parte dei casi vengono applicati a tutti i mutui. Essi sono il costo che la persone che effettua il prestito deve pagare a chi lo eroga, si esprime con una percentuale che ad momento è la più bassa mai registrata. Per gli istituti bancari è molto importante emettere un tasso di interesse perché copre il rischio del denaro, del tempo e del mutuo stesso. I tassi ipotecari determinato i pagamenti mensili per tutta la durata del mutuo, si potrebbero pagare molti soldi in più o un meno a seconda del piano. Sapere che che i tassi influiscono in qualche modo, può essere molto utile per poter valutare tutte le stime e per iniziare un mutuo con più consapevolezza. Ora capiamo perché è molto conveniente stipulare dei mutui proprio in quest’anno. Lo studio che è stato effettuato negli ultimi mesi ha dimostrato come in Italia in tasso minimo è sceso all’1,26%. Se i tassi continuano a calare di conseguenza aumentano anche i crediti che vengono concessi e infatti è emerso che c’è stato un aumento di prestiti pari al 2,8% rispetto l’anno scorso, per quanto riguarda le imprese invece c’è stato un incremento dell’1,9%. Si tratta senza dubbio di una grande opportunità, ma allo stesso tempo bisogna prestare molta attenzione alle fregature da parte delle società di finanziamento. Perché nella maggior parte casi si limitano a far pagare al cliente il tasso passo allo spread e fissano un tasso minimo. Questo vuol dire che non si scende mai sotto lo zero, anche se la Banca d’Italia ha incitato tutto gli enti bancari a non adottare questa strategia a meno che non ci sia una clausola fissata sul tasso minimo. Forse con qualche esempio è molto più semplice capire cosa sta succedendo in questo momento. Se i tassi restano con la stessa percentuale e la differenza tra tasso variabile e tasso fisso è veramente poca. L’opzione più conveniente per tutti i clienti è quella di restare sempre sul tasso variabile anche se può cambiare a seconda dell’andamento del mercato. Ma i mutui con un tasso variabile sono accessibili a tutti coloro che possiedono un reddito medio. Se si richiede un mutuo pari a 100.000 euro per una durata di 30 anni e i tassi restano invariabili, si andrà a pagare una tassa mensile pari a 305 euro, mentre con un tasso variabile 288 euro, la differenze come si può notare al momento è veramente minima.

Conviene accedere ad un mutuo proprio ora?

La risposta è assolutamente si, ma bisogna capire perchè. Con la situazione economica del paese bloccata, anche i tassi vengono tagliati, compresi i piani di ammortamento di un mutuo e i tassi interbancari. Euribor: in questo periodo calcola il tasso in base al come si evolvono gli indici periodicamente. Eurirs: congela il calcolo delle rate, questo vuol dire che il tasso resta lo stesso che era previsto al momento della sottoscrizione.

Chi può richiedere un mutuo?

A prescindere alla propria posizione nella società, chiunque abbia bisogno di un mutuo ha la possibilità di poter valutare i vari piani finanziari e può richiedere una consulenza presso un ente bancario o istituto finanziario. Dopo che la banca avrà preso in considerazione la richiesta può decidere se accettare e procedere, oppure respingere la domanda. Un mutuo generalmente viene richiesto dalle giovani coppie che si sono appena sposate e hanno intenzione di acquistare un appartamento, ma anche persone adulte possono richiedere un mutuo, anche se non sempre conviene quando ormai si ha un’eta avanzata. Durante la richiesta la fase istruttoria è molto importante, perché vengono richiesti tutti i documenti necessari ed è importante provare che ci sono le giuste condizioni per poter procedere con il mutuo. Nel caso in cui si fa richiesta di mutuo, ma non si ha ancora chiaro in mente qual è l’immobile che deve essere acquistato, la banca o l’stituto di credito può provvedere a stipulare un voucher mutuo che sarà utilizzato nel momento in cui si troverà la casa. Infine, sulla base delle informazioni anagrafiche, possono essere proposte varie forme di mutuo che vanno valutate in base alle proprie esigenze personali.

Quali sono i requisiti per poter richiedere un mutuo?

Sono molte le domande che possono venire in mente prima di poter procedere con un mutuo. Ci si può chiedere quali sono i requisiti, se è concesso a tutti o bisogna possedere delle caratteristiche economiche e molto altro ancora. Per richiedere un mutuo non occorrono grandi fondi, innanzitutto è importante possedere dei requisiti legali che possono essere richiesti al momento del mutuo, e sono:

  • essere cittadino Italiano e residente in Italia;
  • essere cittadino di uno degli stati membri dell’Unione Europea;
  • essere un cittadino extracomunitario ma con un permesso di soggiorno regolare in Italia.

Anche l’età è fondamentale, infatti bisogna essere necessariamente maggiorenni e aver compiuto 18 anni, mentre il limite massimo per la richiesta varia a seconda della banca che si sceglie, ma siccome un mutuo non dura meno di 30 anni, se si hanno 80 anni è un po’ difficile che venga concesso. Per quanto riguarda la capacità economica, ogni cliente che richiede il mutuo deve dimostrare al proprio ente di avere una capacità di credito tale da poter coprire tutta la cifra negli anni, anche se la rata viene adattata allo stipendio percepito. Se non si vuole una rata molto alta per non pesare su tutta la famiglia, è consigliabile stabilire fin dal principio la somma di denaro che si è disposti a pagare al mese, in questo modo anche il calcolo del piano di ammortamento sarà prevedibile. Infine, un istituto di credito può anche verificare che non ci siano altri mutui o finanziamenti in corso, perché in caso di mancata affidabilità è possibile che l’operazione non vada a buon fine.

Facebook Comments